La scuola dell’infanzia Matilde Capello si presenta come servizio educativo votato alla cura e alla valorizzazione della singolarità di ogni soggetto, adulto o bambino, che si trovi ad operare al suo interno.

Come scuola dei diritti, nonché scuola cattolica, nostro punto di forza vuole essere l’attenzione alle relazioni umane e all’uguaglianza delle opportunità, per cui i contesti educativi progettati sono contesti della complessità e delle differenze. Contesti aperti ai bambini di tutta la scuola e di tutte le età, che sostengono gli apprendimenti attraverso le contaminazioni individuali e di gruppo, contesti che influenzano positivamente la relazione, la scoperta e l’autostima personale.

Bruner sottolinea l’importanza delle relazioni sociali precoci nel processo di costruzione della conoscenza: il bambino impara dall’incontro-confronto-scontro con l’altro e la sua cultura. Nel lavoro con il gruppo misto, che si crea lavorando a sezioni aperte, si valorizza l’individualità di ogni bambino, la sua intelligenza creativa, la sua precoce competenza sociale.

I sette atelier di cui è dotata la scuola rispondono alla teoria delle multiple intelligenze Gardneriane, offrendo a ciascun bambino la possibilità di esercitare tutti i campi esperienziali in chiave puramente ludica, sostenuti dal fare concreto. Si tratta di una scuola di spazi ‘intelligenti’ che sappiano accompagnare il bambino nei processi di costruzione dei saperi e conoscenze, sollecitandolo alla curiosità e stimolandolo alla costante e continua ricerca di arricchimento. Una scuola che con il bambino si costruisce e si modifica, che si nutre delle sue ricerche e conseguenti scoperte, una scuola flessibile, aperta, una scuola in itinere, impostata all’ascolto delle nuove esigenze.

L’esperienza di OUTDOOR permette anche di ‘portare dentro alla’ e ‘portare fuori dalla’ scuola intrecciando linguaggi e facendo comunicare tra loro tecniche e materiali differenti, offrendo infinite possibilità di formulare domande e cercare risposte ‘dal vero’.

Stimolando anche la sensibilizzazione verso i problemi del mondo ed una maggiore consapevolezza della propria collocazione spazio-temporale.

Il fil rouge che lega il nostro operare educativo è quello dell’esercizio di manualità fine e dell’impugnatura, competenze che si apprendono ed esercitano alla scuola dell’infanzia.

Una grande attenzione è dedicata alla cura della partecipazione e del coinvolgimento delle famiglie che, insieme ai bambini, sono i principali destinatari della nostra cura.

Una partecipazione che, in questo momento di emergenza sanitaria, si concretizza anche nella possibilità di poter mantenere un contatto in via telematica con chi è costretto all’isolamento, per poter condividere alcuni tra i momenti più significativi della quotidianità educativa (come l’appello) offrendo alle famiglie anche il materiale e le indicazioni necessarie per poter coltivare la nostra progettualità anche nell’ambiente domestico.

Sono previsti periodicamente momenti di incontro, scambio e confronto tra educatori e genitori, anche con il sostegno di esperti professionisti (quali psicologici, psico motricisti) sia in gruppo sia individualmente, anche a seconda delle particolari esigenze dello specifico gruppo sezione.

Una particolare cura è destinata anche ai processi di documentazione, oggi principale mezzo di scambio con le famiglie in un’ottica di alleanza educativa scuola-famiglia.

Si tratta inoltre di uno strumento di riflessione educativa per gli operatori, fondamentale anche per i bambini stessi: fruendo della documentazione a loro specificatamente dedicata possono infatti ricostruire la loro storia, il proprio vissuto esperienziale, le proprie relazioni, diventando così occasione di elaborazione e riflessione.

Al centro della scuola dalle porte aperte ci sono i bambini, destinatari e fautori di cura di sé, degli altri, del mondo, bambini competenti ed intelligenti, bambini che sanno fare se è data loro la possibilità.

Una scuola che offre al bambino la possibilità di coltivare la propria autonomia fisica, emotiva, cognitiva, sociale, spirituale ed esperienziale, una scuola che non si sostituisce al bambino, ma lo accompagna nel suo personale percorso di crescita è una scuola che permette di costruire conoscenze in modo autonomo e continuo in ogni esperienza di vita, al di là delle singole attività programmate per l’apprendimento.

I NOSTRI VALORI